FIDUCIA ZERO..

non c’è più nessuna fiducia, il caso “Sicilia” non fa che confermare ciò che molti pensano ma nessuno dice per terrore di essere additati ad “untori / negazionisti” dai talebani di regime.

I numeri che ci propinano ogni giorno i social e i canali informativi controllati a bacchetta o meglio istruiti alla virgola, non sono attendibili, prima la Lombardia ora la Sicilia e a seguire tutte le altre (che per ragioni politiche non vengono scoperte).

Numeri manipolati, sparati a caso a seconda delle necessità, statistiche senza valore, indici manovrati e inventati senza neanche nascondere più di tanto la non coerenza, tanto chi va a controllare?

Chiunque provi a mettere in dubbio è subito zittito e diventa impopolare e oggi essere impopolari è il peggio che possa succedere.

E così va bene tutto a tutti, nessuno si domanda come può essere che i contagi non scendano se tutti indossiamo una pezza in faccia, forse che le pezze colorate non servono? Giammai! è colpa di quel/quella che ho visto che passeggiava in campagna senza, o di quel/quella che per bere se l’è abbassata o di quel bastardo no-mask(?) o quell’infame negazionista oppure è colpa dei runners e dei bikers che percorrono km e km senza mascherina, perché non li sanzionano tutti?

DOVETE STARE IN CASA, TUTTI, E CHIUDERE LE FINESTRE PERCHÈ IL VIRUS È SEMPRE IN AGGUATO NELL’ARIA.

Ma tornando ai numeri con cui da un anno ci fracassano i coglioni perché la magistratura non acquisisce le fonti e indaga sulla correttezza? non parlo dei giornalisti perché oramai non esistono più, ai giornali interessano i like alle pagine non certo la verità di ciò che vi è riportato.

Per Pasqua il Ministro dell’interno mobiliterà 70.000 agenti per controllare…no non i delinquenti, gli spacciatori, i criminali, i ladri, ecc. ecc. ma i cittadini che oseranno uscire di casa, che si riuniranno oltre a quanti(?) che andranno in un comune diverso dal proprio, capite i COPS per cosa li paghiamo? e il loro ministro pure?

Stiamo subendo restrizioni FASCISTE senza aprire bocca, la tanto osannata COSTITUZIONE viene usata come carta ..da recupero, alla sera non possiamo uscire e per esserne sicuri hanno chiuso tutto mandando in fallimento migliaia di attività e lasciando senza lavoro milioni di persone, basandosi su cosa? numeri artefatti e senza controlli accurati, ogni ATS dichiara quello che vuole tanto ripeto CHI CONTROLLA? e i sindacati? MUTI! non esiste più niente tranne la CIG ..che paghiamo sempre noi.

E dopo la cassa integrazione? nessuno se lo chiede? pensate davvero che tutte le attività chiuse riapriranno come niente fosse? io me lo auguro ma faccio fatica ad essere ottimista.

STOP

atmosfera surreale stamane, il traffico veicolare si è ridotto del 90% e l’aria che respiriamo ringrazia, pochissima gente in giro a piedi, negozi chiusi (non tutti) attività commerciali chiuse (non tutte) gente a casa (non tutti) insomma uno stop “all’Italiana”

Le edicole sono aperte, perchè? i tabaccai sono aperti ma il perchè è noto a pochi, perchè sugli articoli di tabacco l’erario incassa le accise…le farmacie e parafarmacie sono aperte..ma anche le erboristerie, perchè? le attività commerciali sono chiuse ( e molte non riapriranno più) ma le attività industriali sono aperte, perchè? perchè lunedì 16 si paga l’F24 ( IVA, IRPEF E INPS ) se non le versano le industrie (sopratutto del nord) chi le versa? ci avete pensato? l’erario non può rinunciare al gettito, neanche per il #coronavirus

Siamo il paese di pulcinella governato da giullari incompetenti e non votati, davvero vi aspettavate la chiusura totatle stile WUHAN? questo non è il regime comunista Cinese (per fortuna) e siamo liberi di fare un po quello che vogliamo (aspetto le foto delle spiaggie deserte domenica prossima)

Per quanto riguarda me oggi finisco le incombenze “fiscali” preparare appunto il versamento di imposte e tributi poi da lunedì probabilmente #iorestoacasa e cercherò nel mio piccolo di contribuire a fermare il contagio, non tornerò in ufficio a meno che si concretizzino alcune operazioni che stiamo facendo con le banche come “moratoria” da #coronavirus in quel caso la presenza in ufficio sarà indispensabile non potendo gestire le pratiche da casa.

Rimanete sereni e non abbiate timore di morire, il virus in sè è stato più volte affermato dagli esperti NON E’ MORTALE a meno che non entri in persone già pesantemente debilitate quindi chi è a rischio non si esponga ulteriormente e abbia cura di sè.

Passerà anche questo e tutto tornerà alla normalità.

TERRORE

lo volevano, lo hanno cercato, lo hanno trovato e lo hanno diffuso.

Hanno terrorizzato le persone, hanno terrorizzato i mercati, hanno terrorizzato chi con l’Italia lavora.

Una gestione della crisi sbagliata sin dall’inizio, un gruppo di incompetenti che non sa che pesci pigliare anzi non sa pigliare pesci, un gruppo di idioti che ha saputo solo fare danni, danni che pagheremo per parecchio tempo, quei pochi che ne usciranno indenni.

Le persone sono terrorizzate, le imprese non sanno cosa gli aspetta, chi lavora comincia a temere di perdere il posto.

Le prime vittime di questa scellerata gestione sono i negozianti, i ristoratori, i bar, IL TURISMO, vittime importanti che peseranno molto più degli sfortunati morti IN SEGUITO alle complicanze del virus E NON PER IL VIRUS, negozi che chiuderanno o licenzieranno Aziende che per rimanere in vita dovranno rivedere molti piani di investimento e occupazione.

Tutto questo per colpa di un gruppo di idioti che nessuno ha votato ma che ci siamo ritrovati e che stanno dando prova della loro incapacità.

La popolazione andava tranquillizzata non terrorizzata, le solite stronzate tipo “SIAMO UN PAESE FORTE” lasciamole ai sud Coreani, noi non siamo un paese forte, siamo un paese debole che fatica a sbarcare il lunario, non abbiamo più niente tranne debiti e nessuno in Europa e nel mondo ci considera un paese forte, basti pensare a come un paese di straccioni ci abbia preso per il culo per anni ( vi ricordate i Marò)?

Va beh quello che ho dentro è solo rabbia perchè non  mi piace subire imposizioni senza senso, ma dobbiamo adeguarci, nel mio piccolo farò del mio meglio per attenermi alle disposizioni e speriamo che l’imprenditoria Italiana sopravviva a questo periodo.

INCENTIVI E AIUTI

Ancora una volta questo governo di incompetenti non votati si comporta come tanti altri governi precedenti, pensano che con gli incentivi si risolvano i problemi di un’economia che era già in fase stagnante prima e che ora rischia un vero e proprio tracollo.

Il clima di paura e terrore che questo governo di non votati ha creato con il #virus sta dando il colpo di grazia al paese, bloccando l’unica parte produttiva dello stesso.

La chiusura delle Aziende, degli uffici pubblici, le regole inventate e propagandate tipo non datevi la mano, non toccatevi l’un l’altro, mantenete le distanze, non guardatevi, se dovete starnutire fatelo nella camicia (questa poi è unica) non sputate per terra (ditelo ai calciatori) non scorreggiate vicino agli altri (va beh) non scopate o se proprio dovete almeno state lontani (???) e così via hanno portato terrore, paure e psicosi nella gente e ora se ti scappa uno starnuto o un colpo di tosse ti trattano come un appestato e ti denunciano allo “Spallanzani”.

Non è di questo di cui la gente aveva bisogno, ciò che si chiedeva e si chiede è fiducia, notizie vere, numeri reali, tutti gli scienziati e virologi che hanno provato a spiegare che questo #virus non uccide sono stati messi in disparte e zittiti, è meglio fare credere che questo #virus sia mortale, è meglio fare credere che si debba stare barricati in casa non importa se poi il commercio muore, se le attività chiudono, se si perdono i già pochi posti di lavoro, per quello ci sono gli incentivi e le cazzare sparate ieri sera dal Presidente non votato del consiglio, l’importante è che la gente abbia paura, sia terrorizzata.

L’esatto contrario.

Il messaggio sarebbe dovuto essere, non abbiate paura non barricatevi in casa, continuate la vostra vita normale, con le dovute precauzioni e con qualche attenzione comportamentale in più, ma non abbiate paura abbiamo un ottimo sistema sanitario e questo #virus può essere curato e non uccide a meno che non siate già in una condizione patologica grave nel qual caso allora si, usate molte precauzioni e non esponetevi.

Il paese ha bisogno di fiducia, il mercato ha bisogno di fiducia, le Aziende devono lavorare e far lavorare, perché purtroppo ne abbiamo bisogno per vivere.

Purtroppo temo pagheremo caro la gestione dell problema da parte di questi incompetenti che ci governano senza essere stati votati.

 

I BADANTI..

e il loro mondo.

Chi di voi sta utilizzando i servizi dei badanti? chi ha avuto necessità di ricorrere al lavoro domestico offerto da questa tipologia di operatore?

Fino a poco tempo fa era solo un sentito dire, alcuni amici erano ricorsi a questo tipo di collaboratore, chi per il padre aveva scelto un uomo chi per la madre aveva scelto una donna, e ogni tanto se ne parlava.

Ora è toccato a me, come ho accennato i mesi scorsi sono rimasto lontano dal blog (e non solo) per accadimenti familiari, improvvisi e violenti (mentalmente).

Per farla breve mia mamma ha 83 anni e vive sola in Brianza a circa 60km da me, negli anni scorsi abbiamo avuto accese discussioni per portarla vicino sempre finite dandogliela vinta pur essendo io consapevole che prima o poi il problema si sarebbe presentato.

A fine novembre una caduta dal letto ha peggiorato le già fragili condizioni fisiche costringendola a letto quasi impossibilitata a muoversi, con tutto ciò che ne consegue per lei e naturalmente per me e la mia famiglia, tra l’altro sono unico figlio rimasto poichè mia sorella è morta circa 12 anni fa di tumore e lei non ha parenti vivi.

E qui si entra nel mondo misterioso e semi nascosto del servizio badante.

Ci sono vari metodi per contattare queste persone, il più veloce è quello offerto da molti comuni, lo “sportello badante”; in questo caso il comune ti fornisce dei nominativi, specificando che non sono “selezionati” ne “filtrati” ma semplicemente raccolti e verificati quel poco che basta, poi sta a te privato incontrarli e “provarli”.

Oppure il più classico passa parola, ed è quello che ho utilizzato io.

Nel complesso siamo stati fortunati, almeno così sino ad adesso, mia mamma si sta trovando bene e io sto valutando la “messa in regola” della persona, e qui cominciano i casini.

Qualcuno ha mai provato ad informarsi, anche solo per curiosità, su cosa significhi “assumere” un collaboratore familiare? perchè proprio di assunzione si parla.

Ci si addentra in un mondo di regolamenti, leggi, obblighi e doveri, pratiche burocratiche e naturalmente “costi”, perchè il privato cittadino non ha la capacità ne generalmente il tempo per adempiere a tutto questo, quindi si rivolge ad un CAF o ad uno studio specializzato, e questi hanno un costo che non si risolve in una volta ma che si propone mensilmente poichè numerosi adempimenti sono mensili.

E’ giusto regolamentare un settore dove il “nero” la fa da padrone, ma la regolamentazione deve essere in nome della semplicità e “non dico gratuità” ma quasi.

Se invece la regolamentazione diventa una giungla di adempimenti onerosi non si otterrà mai la collaborazione del cittadino  ma l’esatto contrario.

Se  tutto fosse più semplice, lo stato incasserebbe la sua quota di IRPEF, l’INPS la sua quota di contributo, comuni e regioni le loro addizionali, e chissà il cittadino sarebbe anche più contento perchè un contratto regolare fornisce più sicurezza e tutela per tutti.

 

AVEVO VOGLIA..

di scrivere stasera, mentre tornavo in auto pensavo ad un articolo, un argomento e scrivevo il testo a mente, ed è ancora li!! poi sono arrivato e mi sono messo a leggere, prima qualche post su FB poi gl articoli su WP e ora sono arrivate le 23,00 sono stanco e domani è finalmente venerdì, ma il mio pensiero è rimasto nella mia testa.

Troppo stanco la sera, cerco incosciamente relax mentale e lo trovo nel non fare ciò che vorrei, in questo caso scrivere.

Voi direte, ma guarda che stai scrivendo, si è vero ma queste sono poche righe scritte di getto e con poco senso, ho in mente articoli seri, impegnati e forse è proprio per questo che il cervello si rifiuta di elaborare, anche se so perrfettamente che iniziare a scrivere e come uscire a correre , inizialmente dici ma chi me lo fa fare, poi parti e le gambe ti portano dove volevi andare, è sempre una questione di testa.

Buona notte a tutti, magari domani se riesco a non farmi prendere dalle paranoie rubo 10 minuti al lavoro e scrivo… e domani sera esco a correre.

NON AMO..

lo stile casual al lavoro, non sono uno da jeans e t-shirt, non al lavoro comunque e a pensarci bene i jeans non li porto abitualmente, in estate è come avere il riscaldamento sulle gambe e in inverno l’esatto contrario.

higher-waist.jpg

In ufficio amo la camicia e la cravatta, un bell’abito sino a che le temperature lo permettono, diciamo che a Maggio sparisce la giacca e rimane la camicia a manica lunga rimboccata ( no a manica corta!!) possibilmente colore chiaro e un bel paio di pantaloni leggeri e freschi, se non la camicia va benissimo una polo

camicia-maniche-arrotolate

La camicia va bene anche slim ( finchè il fisico me lo permette ..modestamente) idem i pantaloni ma le caviglie devono essere coperte, quelli con le caviglie scoperte sono ridicoli e penosi.

niente mocassini solo scarpe stringate, naturalmente adatte alla stagione.

Fondamentali sono i pochi accessori che noi maschi abbiamo ( a differenza delle donne) ossia la cintura, l’orologio e le calze ( mai bianche!! )

Sono stato abituato così sin dagli inizi, nelle Big Company di revisione a Milano dove nessuno osava presentarsi senza la cravatta e da allora mi è rimasto, anzi lo ho apprezzato sempre più.

Non mi piace chi arriva in ufficio con i jeans sbrandellati a vita bassa e la camicia fuori o la t-shirt corta e sgualcita, come non sopporto chi non si fà la barba ( pensano di sembrare più maschi?)

Mi ricorderò sempre il Maresciallo sotto naja che quando non riuscivo a radermi non ascoltava giustificazioni e diceva : fott u cazz fatt abbarba anzi sstai punito azz.

Mi sto divertendo a scrivere questo post, gli altri stanno guardano “master chef” e io boh devo occupare un po di tempo prima della nanna, la prossima volta parlo anche dell’abbigliamento femminile, e allora si che mi sfogo..:)