MAI PIU’..

fu il mio pensiero giunto circa al 12km della “#10miglia del lago di Endine” che ho corso domenica scorso.

Ma andiamo con ordine, la suddetta corsa è decisamente bella, il giro del lago di Endine (BG) è lungo 10 miglia, equivalente a 16,8 km circa.

Una corsa molto “partecipata” anche quest’anno gli iscritti sono stati circa 1500 che non è poco, ma correrla è un’azzardo sopratutto per un motivo, la data.

Correre una distanza simile il 17 Giugno può rivelarsi un’imprudenza..FA CALDO!! e per chi come me odia il caldo può significare una faticaccia accia accia.

Se la partenza fosse alle 8,00 si guadagnerebbe un’ora di fresco ma partendo alle 9,00 con 25 gradi in salita …beh ci siamo capiti.

Diciamo che i primi 8/9 km sono andati abbastanza lisci, si corre in direzione BG con il lago sulla sinistra e si sfrutta l’ombra degli alberi lungo la strada poi però si scende sul lungo lago e quindi in pieno sole e dopo circa 1km c’è la salita verso il castello che si attraversa, all’uscita si riscende sul lungo lago e poi si risale verso il paese del castello, superato quello finalmente si va in discesa ma da quel momento il percorso è buona parte su strada asfaltata, al sole e in continuo saliscendi, sino a quando arrivi al cartello del 16 km e dici “finalmente è finita”..he no caro mio, hai ancora circa 800 mt da correre e non crediate che siano pochi, sopratutto dopo averne corsi 16 completamente disidratato..

Ecco in quel momento ( più o meno ) mi sono detto che quella corsa non l’avrei più fatta!!

Ma come sempre quando una cosa piace..parlando con gli altri del gruppo già qualcuno l’ha proposta per l’anno prossimo insieme alla “Sarnico-Lovere” ( bellissima corsa di 26km) da Sarnico a Lovere sul lago d’iseo ) quindi le mie certezze ancora una volta vacillano.

35515055_10211691327854165_7490456181501067264_n

Annunci

AVEVO VOGLIA..

di scrivere stasera, mentre tornavo in auto pensavo ad un articolo, un argomento e scrivevo il testo a mente, ed è ancora li!! poi sono arrivato e mi sono messo a leggere, prima qualche post su FB poi gl articoli su WP e ora sono arrivate le 23,00 sono stanco e domani è finalmente venerdì, ma il mio pensiero è rimasto nella mia testa.

Troppo stanco la sera, cerco incosciamente relax mentale e lo trovo nel non fare ciò che vorrei, in questo caso scrivere.

Voi direte, ma guarda che stai scrivendo, si è vero ma queste sono poche righe scritte di getto e con poco senso, ho in mente articoli seri, impegnati e forse è proprio per questo che il cervello si rifiuta di elaborare, anche se so perrfettamente che iniziare a scrivere e come uscire a correre , inizialmente dici ma chi me lo fa fare, poi parti e le gambe ti portano dove volevi andare, è sempre una questione di testa.

Buona notte a tutti, magari domani se riesco a non farmi prendere dalle paranoie rubo 10 minuti al lavoro e scrivo… e domani sera esco a correre.

FINITA LA PACCHIA?

questa frase è stata attribuita al neo ministro degli interni Matteo Salvini e visto il tipo posso credere che l’abbia detta, è finita la pacchia per gli immigrati che vengono in Italia…e così via, sono sempre le stesse cose.

In linea di massima sono d’accordo sulla frase solo che la riferirei non tanto agli immigrati o comunque non solo a loro, ma sopratutto a chi del flusso migratorio ha fatto un business, a chi ha lucrato su questo flusso, a chi veramente ha utilizzato questo periodo per fare “soldi facili” #easy money ( chi si ricorda quale film rese famosa questa frase?).

E chi sono questi soggetti? inanzitutto le ONG nate come funghi e calate come avvoltoi sulle prede, alle cooperative “rosse” ma non solo solo finanziate dai partiti politici, gli albergatori che hanno stipato decine e decine di poveracci in alberghi in crisi sapendo di potere ottenere il risultato con il minimo sforzo ( ed esborso) ma prima di tutto i trafficanti, gli armatori di fatiscenti barconi, i mafiosi Italiani e stranieri ed infine i politici Europei che hanno chiesto e ottenuto dai precedenti governi di trasformare l’Italia in un campo profughi in cambio di non si sa cosa visto che qualsiasi cosa gli Italiani chiedano in sede Europea viene rifiutata.

Per tutti questi la pacchia deve essere finita, e il messaggio che il nuovo governo ha dato con la chiusura dei porti deve essere proprio questo, BASTA!! basta traffico di essere umani, basta business sulla pelle degli altri, basta servitù Europea, tutti devono farsi carico del problema del flusso migratorio e se gli altri paesi non vogliono allora anche noi ci adeguiamo.

Per quanto riguarda questa massa di veri/finti disperati che cercano una vita migliore occorre fargli capire che la “#terra promessa” non esiste e non è mai esistita, che l’Europa è un continente vecchio che oramai poco ha da offrire e l’Italia ancora meno e che in Italia di speranza ne è rimasta poca per noi, figuriamoci per altri.

FAME NERVOSA..

no no la mia non è fame nervosa, anche perchè non mi pare di essere nervoso oltre misura, concentrato e magari stressato dal lavoro quello si, lo ammetto anche se lo do poco a vedere, ma nervoso non credo.

La mia è proprio fame!

Faccio colazione alle 7,00 ma non mi abbuffo, da tempo ho ridotto anzi direi dimezzato la quantità di latte, per riuscirci ho ridotto la tazza et voilà, dalla classica tazzona o ciotola da latte ad una più sobria MUG all’americana e di conseguenza tutto quello che ci stava dentro si è ridotto, a partire dai biscotti che sono la mia vera dannazione, di solito arrivano quando dalla tazza finiscono i cereali e se non sto atento son guai.

Però inevitabilmente tra le 10,30 e le 11,30 arriva la crisi.

cerco disperatamente di non ricorrere al distributore di merendine ..ma non sempre ci riesco, oggi poi ho anche in programma la palestra nell’intervallo e l’idea di andarci a stomaco vuoto mi spaventa. Ho esaurito le scorte di barrette e integratori vari e da casa mi sono portato solo uno yogurt magro che però tengo per il pomeriggio.

Che fare? ok confezione da 6 Ringo al cacao finiti in circa 30 secondi e 15 minuti di auto compatimento e flagellazione mentale…ma poi passa.

VICINO..

mi viene vicino, per lavoro per utilizzare il pc ma mi viene vicino e io so quanto può essere pericoloso questo, pericoloso si… ma per me! non certo per lei, mica sono un maniaco o un violento o chissa chè, sono una brava persona ( purtroppo?)

Ci ho lavorato molto e ne sono quasi uscito, quasi appunto, non è così facile oddio è più facile che smettere di mangiarsi le unghie ( è praticamente impossibile ) e pensare che ho anche smesso di fumare, una volta ero un fumatore accanito e ho smesso da un giorno all’altro ..ma questa è un’altra storia.

Comunque quando mi viene vicino non riesco a rimanere insensibile, non riesco a pensare ad altro, non riesco a frenare la fantasia ma come ho detto ci sto lavorando è che quegli occhi mi entrano dentro..

#perchègliocchifottonosempre

ALZARSI..

al mattino presto per andare a correre..ok precisiamo che non me lo ha ordinato il medico, è una mia scelta dovuta a varie necessità, capita una settimana come questa in cui alla sera non ho tempo e allora che faccio? non corro? poi mi vengono i sensi di colpa; oppure comincia la brutta stagione e fa caldo, per adesso stiamo ancora bene, le temperature sono miti ma appena si spostano le nuvole il sole picchia e picchia forte balziamo dai 21/22 gradi a 31/35 in poche ore e correre con 30 gradi ( percepiti 40 ) non è il massimo della vita, non per me almeno e quindi occorre escogitare qualcosa e quel qualcosa è la sveglia alle 5,30 e l’uscita ( ovviamente a digiuno ) per le 5,45.

Stamattina si stava bene, l’aria frizzante e le strade silenziose, le gambe hanno girato bene.

Purtroppo il tempo a disposizione non è tanto, giusto una mezz’ora poi devo tornare lavarmi mangiare prepararmi e portare il figlio a scuola però anche quella mezz’ora è utile e porta i suoi benefici.

E’ un piccolo sacrificio ma ne vale la pena.